Libertà su internet a rischio per una sentenza del Tribunale di Milano

Scritto da Massimiliano Puccio • Giovedì, 25 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Google


E' di questi giorni una sentenza emessa da un Giudice di Milano che rischia di modificare il Web come noi lo conosciamo.

Il Tribunale di Milano ha infatti dichiarato colpevoli tre dirigenti di Google per violazione della privacy, a causa di un video postato nel 2006 che mostrava maltrattamenti ad un bambino disabile.

La tesi della Procura, anche se la sentenza non è stata ancora depositata, è che Google Video ha omesso il controllo di ogni singolo contenuto caricato sulla loro piattaforma.

Per chi conosce i meccanismi della rete sa benissimo che questa cosa è praticamente impossibile da realizzare e che il principio di "segnalazione e rimozione" è l'unico che può garantire libertà di espressione e tutela di legge.

È «un attacco ai principi fondamentali di libertà sui quali è stato costruito internet» ha replicato il portavoce di Google Italy, Marco Pancini.

L'azienda farà appello contro la decisione ritenuta "a dir poco sorprendente", visto che l'Italia è stato l'unico paese al mondo ad aver emesso una sentenza così restrittiva sulla libertà di internet!!


Fonte: [PuntoInformatico, Corriere del Ticino]
Translate to en
4297 hits
Tags: , ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!