KickSat - Il tuo satellite nello spazio a 300$!

Scritto da Massimiliano Puccio • Martedì, 24 gennaio 2012 • Categoria: New technology



Con solo 300 dollari chiunque potrà spedire in orbita il proprio satellite. Questo è quello che promette un giovane ingegnere spaziale della Cornell University che ha sviluppato un progetto chiamato KickSat interamente finanziato dalla comunità attraverso la piattaforma Kickstarter.

I satelliti, almeno per ora, sono molto semplici e piccoli (sono grandi quanto un francobollo) ma includono tutti i componenenti standard dei satelliti più grandi come celle solari, trasmettitori e microcontrollori.

Per ridurre il costo del lancio del carico utile tramite vettore, alcune centinaia di questi satelliti verranno inseriti nel KickSat, un contenitore cubico dotato di uno sportello che, tramite un comando radio inviato da terra, si aprirà per “depositare” i nano-satelliti in orbita.
Translate to en


Il KickSat dovrebbe essere portato in orbita da un vettore di uno dei vari programmi spaziali che si occupano del lancio di satelliti in collaborazione con aziende e con università.

Il primo obiettivo è stato raggiunto e cioè quello di raccogliere 74.000 dollari dei 30.000 previsti per costruire e testare il KickSat e i 100 nanosatelliti che inizialmente ospiterebbe.

Adesso si aspetta di trovare un “passaggio” per portare il KickSat in orbita e rilasciare i nanosatelliti, sperando di ottenerlo gratuitamente grazie a uno dei numerosi progetti spaziali dedicati alla ricerca, considerando il valore scientifico della sua iniziativa.

In alternativa si dovranno trovare almeno 400 sponsorizzazioni (da 1.000 dollari a 10.000) in maniera tale da acquistare “un posto” su di un lancio commerciale.

Il segnale dei vari satelliti potrà essere ricevuto e tracciato da Terra grazie a una rete di numerose stazioni radio amatoriali, e permetterà di verificare la loro resistenza nello Spazio e per quanto tempo riusciranno a restare in orbita.

La loro permanenza nello spazio è comunque limitata: i nanosatelliti verranno immessi in un’orbita bassa, il che li obbligherà a rientrare nell’atmosfera terrestre nel giro di qualche giorno o di poche settimane. E di loro non rimarrà più nulla.


Fonte: [ThePolloWeb, MailOnline]

2242 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.